Da oggi in radio “Goodbye so long”, il nuovo singolo di Filippo Perbellini

Filippo Perbellini

Da oggi, venerdì 13 settembre, è disponibile sulle piattaforme digitali e in radio Goodbye so long” (Vicari Sound Organization), il nuovo singolo del cantante dal cuore e dell’anima RnB Filippo PerbelliniUn brano classic Soule R&B, prodotto a Los Angeles da Tommy Vicari, produttore e sound engineer di Prince, Michael Jackson, Barbra Streisand, Quincy Jones e molti altri. Il singolo vanta la registrazione di musicisti di fama mondiale tra i quali Judith Hill (corista di Michael Jackson in “this is it”), Rod Temperton (autore di “Thriller”, “Rockwith you”, etc.) e Jeffrey Osborne.

 

«Goodbye so long” rappresenta il mio percorso artistico eil mio gusto per il Soul e l’R&B –racconta Filippo Perbellini – isound è emozionante ebrillante, parla di una delusione amorosa dove l’unico modo per evadere è la musica. Ho scelto questo brano come singolo di apertura del disco perché è solare e carico di energia, sono convinto abbia la spinta giusta per trainare anche gli altri brani dell’album. Lo immagino come il pezzo di apertura del mio tour: una band di 10 elementi con fiati, un bel gioco di luci e ballerini sul palco, vorrei ricreare un ambiente californiano come il videoclip che è stato girato a Los Angeles».

Il videoclip del brano, infatti, è stato girato a Los Angeles da una produzione americana, YHELLOW, con la direzione di Lorenzo Diego Carrera.

Filippo Perbellini nasce a Verona nel 1990. Cantante dal cuore e anima RnB, pianista “Fender Rhodes” è cresciuto all’interno di una famiglia appassionata del suono Motown.

Ha collaborato live e in studio con: Riccardo Cocciante, Alex Britti, Neffa, Rod Temperton, Jeffrey Osborne, Greg Matheison, Abe Laboriel sr, Steve Ferrone, Jason Holdt , Luis Conte, Fabio Massimo Colasanti, Andrew Synowiec, Casey Young, Andy Martin, Gordon Goodwin, Wayne Bergeron, Dan Fornero, Judit Hill, Bridgette Bryant, Greg Bisonette, Chris Trujillo, Jimmy Earl, James Harrash, David Garfiled, Bandon Fileds, Alex Ligertwood.

Lascia un commento